Il Cavallo di Troia

ilreinca

“quelle orde di immigrati sono il Cavallo di Troia dell’esercito mussulmano” (Oriana Fallaci)

Da ieri penso e ripenso a quella frase.
Cassandra lo aveva già visto e forse solo Shun Tzu, avrebbe capito e ammirato una strategia così sublime ed efficace.

Ci hanno attentamente studiati e valutati. Semplice, direi.
Così avvezzi alla proclamazione di diritti, alla politica del rispetto e alla salvaguardia della cultura, da sentirci razzisti nei confronti di un nemico che, sgretola ad uno ad uno, la fragilità di quei pilastri, basati solo su parole ad effetto mediatico.

Schierati, a chiedere scusa, a chi sta frantumando la nostra storia, la nostra cultura.
Assogettati, incapaci di una reazione, non di violenza ma, di tutela del diritto di ciò che siamo.
Incapaci di una coesione, di una identità di popolo, dell’orgoglio del voler essere e tramandare, schierati su un campo di battaglia come vinti e, non vincitori.

E penso a…

View original post 37 more words

Liberté, Égalité, Fraternité

E ti ritrovi, con questo motto che ti rimbomba in testa…

e pensi, è solo un’utopia…

L’integralismo, il fanatismo, le guerre fratricide in nome di chissà che Dio…

Non ho risposte, ho solo una confusione di domande che vorticano nella mente.

L’accoglienza, l’accettazione del diverso, il rispetto per tutte le culture, capisaldi di una vita che cozzano in modo violento con la realtà dei fatti.

Con una strategia del terrore che ci porta ad essere sempre più poveri

A perdere di vista noi stessi

Noi che abbiamo sempre creduto nei valori della libertà, dell’uguaglianza, della fraternità

Ma la soluzione qual’è?

La chiusura, la protezione della nostra identità o la tanto cara integrazione?

La mia anima si lacera nel dubbio ed io risposte non ne ho, no… Le ho, razionalmente la scelta più corretta sarebbe la protezione dell’identità, ma è andare contro tutto ciò in cui credo…

L”accettazione totale dell’altro scevra di giudizio e pregiudizio.

Ma una domanda rimbomba nella testa, una domanda senza risposta…

Perchè?

Io. Cittadina di Utopia.